Kapsch TrafficCom: le soluzioni per la gestione del traffico all’IBTTA International Summit

Dal 15 al 17 ottobre si è tenuto a Roma il Convegno Internazionale dell’IBTTA, associazione mondiale che rappresenta i proprietari e i gestori di strutture a pedaggio e le imprese che li servono. Tra i partecipanti, Kapsch TrafficCom, produttore di sistemi intelligenti per la gestione del traffico (ITS, Intelligent Transportation System) applicati ai pedaggi stradali, alla smart mobility urbana, alla sicurezza del traffico e ai veicoli connessi, con soluzioni end-to-end che coprono l’intera catena di valore, dalle componenti al design fino all’integrazione e alla gestione delle operazioni.

di Ilaria N. Brambilla

Nata 125 anni fa a Vienna, in Italia è stata la prima società ad aver ideato, progettato e realizzato un sistema automatico per il controllo degli accessi alle Zone a Traffico Limitato, installato a Bologna nel 1994, sistema precursore di tutti i sistemi automatici oggi attivi nel nostro Paese. Da allora Kapsch TrafficCom ha installato sistemi automatici di controllo degli accessi alle ZTL italiane in 53 città tra cui Roma, Napoli, Torino, Ravenna, Salerno, Piacenza, Bergamo, Como.

Uno dei principali sistemi progettati da Kapsch e presentato all’IBTTA è il Multi-Lane Free-Flow (MLFF), ovvero la soluzione per il pedaggio senza barriere. Questo sistema offre la possibilità di applicare tariffe flessibili in base all’orario di percorrenza, presenta costi di implementazione e gestione più performanti rispetto alle strutture tradizionali e può facilmente integrare funzioni di infomobilità e sicurezza. Attraverso il mobile tolling, inoltre, viaggiare in autostrada diventerebbe più comodo in termini di tempo risparmiato e di esperienza per l’utente, grazie all’utilizzo dello smartphone per il pagamento del pedaggio. L’app per dispositivi mobili integra inoltre servizi fondamentali come la segnalazione di ingorghi o di servizi personalizzati per le esigenze del guidatore. Parallelamente, la società ha messo a punto un servizio di noleggio delle on board unit (i dispositivi come il Telepass) che copre la maggior parte delle autostrade europee facendo da apripista per un Sistema di Telepedaggio Europeo.

Andreas Hummer, direttore generale Kapsch TrafficCom Italia, spiega “Questo tipo di soluzioni per il traffico non contribuiscono soltanto a ridurre i tempi di percorrenza, gli ingorghi e la viabilità delle città e della autostrade in generale, bensì contribuiscono a una concreta diminuzione dell’inquinamento atmosferico provocato dai gas di scarico – meno code, minor spreco di carburante – dall’usura degli pneumatici che ora è accentuata dalle continue frenate e, non ultimo, il consumo di suolo: con i sistemi di gestione del traffico e pagamento dei pedaggi via smartphone e on board unit, le ingombranti strutture dei caselli – lungo il percorso o alle uscite – non saranno più necessarie.”

Un’ulteriore soluzione per il traffico è Kapsch Sicura, un sistema per la rilevazione della velocità media dei veicoli di tipo section speed control. Il sistema è in grado di classificare i veicoli in base ai limiti di velocità imposti sulla loro classe, oppure di monitorare soltanto gli autocarri: approvato dal Ministero dei trasporti, al momento sono in fase progettuale diverse installazioni su alcune strade extra urbane.

Kapsch si occupa infine anche di soluzioni per l’intermodalità: gli IMS (Integrated Mobility Services) sono sistemi di mobilità integrata che, connettendo auto, strade, sistemi di trasporto pubblici e privati in un ecosistema di Maas (Mobility as a Service) permettono di offrire pacchetti di mobilità ottimizzati senza più differenza tra i gestori. Una soluzione possibile solo attraverso una integrazione massima delle piattaforme, in direzione di una smart city e mobility.

By | 2017-10-30T11:35:39+00:00 ottobre 30th, 2017|Approfondimenti|0 Comments

Leave A Comment

tre + otto =