L’inconfutabile sostenibilità del veicolo elettrico

L’industria automobilistica è sull’orlo di una grande transizione elettrica. Per questo motivo le prestazioni ambientali dei veicoli elettrici sono diventati un argomento fortemente discusso e si sono svolti alcuni studi che hanno indagato il loro impatto sul clima in termini di emissioni carboniche e di impiego di metalli critici, inclusi i metalli rari.

Dall’analisi del ciclo di vita dei veicoli elettrici si dimostra che essi, anche quando sono alimentati dall’elettricità più sporca in Europa, emettono comunque meno gas serra rispetto a un veicolo diesel tradizionale.

Anche in quelle nazioni che presentano mix energetici con più alto contenuto di carbonio, come Polonia e Germania, un veicolo elettrico emette comunque meno CO2 di un auto diesel nel suo intero ciclo di vita (considerando dunque emissioni in centrale, produzione e smaltimento di veicolo e batteria).

In Polonia, un veicolo elettrico emette il 25% di CO2 in meno di un diesel nel suo ciclo di vita, mentre in Svezia un veicolo elettrico emette l’85% in meno.

 

 

 

Allo stesso tempo, la sostenibilità dei veicoli elettrici continuerà a migliorare grazie ai progressi tecnologici nella produzione delle batterie, al ri-uso delle batterie come accumulatori di energia ed al re-ciclo.

Gli studi dimostrano inoltre che la disponibilità di metalli critici per le batterie, come il cobalto ed il litio, non rappresenta una limitazione nelle prossime decadi e non fermerà la transizione elettrica, come alcuni hanno argomentato. Nel caso del Litio, si stima che le riserve hanno una durata di 185 anni.

Veronica Aneris, rappresentante italiana di Transport & Environment e keynote speaker del Forum Innovazione Mobilità Sostenibile, ha dichiarato: «In Italia, con il mix energetico attuale, le emissioni indirette dei veicoli elettrici sono già meno della metà di quelle delle auto diesel, incluse anche le emissioni per la produzione e lo smaltimento del veicolo. E la situazione potrà solo migliorare dal momento che il modo in cui produciamo l’elettricità è destinato a diventare sempre più pulito».

I veicoli elettrici contano attualmente per l’1,7% delle vendite europee. La Commissione sta considerando l’introduzione di una quota minima di vendita dei veicoli a zero emissioni nella proposta per il nuovo regolamento di auto e furgoni post 2020, attesa per novembre.

By | 2017-11-14T17:47:07+00:00 novembre 7th, 2017|Approfondimenti|0 Comments

Leave A Comment

5 × 5 =